Log in

Radical Translations

Fénelon, ovvero Le monache di Cambrai. Tragedia in cinque atti del cittadino Chénier deputato alla Convenzione nazionale, rappresentata per la prima volta in Parigi a'9 febbraio 1793. Tradotta dal cittadino Salfi

Contributions

Francesco Saverio Salfi
author

Related resources

is paratext of
Fénelon, ovvero Le monache di Cambrai. Tragedia in cinque atti del cittadino Chénier deputato alla Convenzione nazionale, rappresentata per la prima volta in Parigi a'9 febbraio 1793. Tradotta dal cittadino Salfi translation

Summary

p.9-10: "varie tragedie e tutte istruttive a' [sic] egli (Chenier) commesse alla scena: e mentre da una parte cospirava nel consiglio alla formazione delle leggi, dall'altra si occupava nel teatro a formare le opinioni, dalle quali debbono essere le leggi precedute e spianate. [...] Scrisse percio' il Carlo IX, e dipinse in tale incontro l'imbecillita' di un re, la ferocia di una regina infernale, e l'impostura di un cardinale, [...] Scrisse altresi' il Fenelon, e per esso spiego' la vera pieta' di un vescovo, che perdonando le debolezze degli uomini, condanna gli orrori del fanatismo. [...] io persuaso della loro utilita', piucche' della mia piccola gloria, mi accinsi a tradurle per dare a paesi d'Italia rivoluzionati de' trattenimenti teatrali, opportuni alle circostanze, e capaci, se non di formare un ottimo gusto, d'instillare nel popolo alcuna di quelle massime, che possono fortificarlo nella democrazia, di cui abborriscono il titolo, per non conoscerne l'utilita' " p. 11: "la rivoluzione a' [sic] bisogno di scosse per accellerare il suo progresso; questa tragedia non ne manca; e cio' basti a giustificar me per averla tradotta, ed il colto pubblico per secondarla". p. 12: "La rivoluzione facendo sparire alcune circostanze sinistre, ne a' combinate molte altre favorevoli a quegli scrittori, che volessero e sapessero usarne. L'italia, ancora divisa, va pur raccogliendo le sue sparse membra, e riacquistando vie via le sue forse merce' quella progressiva e prudente riunione, che tratto tratto ne va progettando es eseguendo la Francia" p. 13: "la rivoluzione mette l'uomo tutto in attivita'; e i fatti, le sensazioni, le idee debbono acquistare piu' facilmente quel carattere di eroismo, che quello forma della vera tragedia.